Crocchè di patate alla siciliana

Ci sono sapori atavici che ci riportano indietro nel tempo, ed in una cucina siciliana questo è legge.

Spesso sono ricette provenienti da retaggi culturali e da momenti storici in cui la popolazione non se la passava bene, così alcune ricette diventano da ”giorno di festa” anche se gli ingredienti sono semplici e poveri. Questo è il caso delle polpette di patate, sapore tipico di tutte le cucine delle nonne della Sicilia occidentale.

A Palermo si chiamano crocchè e sono entrate a pieno diritto nella classifica delle pietanze da street food e, seppur con la variante dell’aggiunta della mentuccia, rispetto a quelle agrigentine, sono un piatto buono e caldo.

Le crocchè di patate hanno un segreto: una volta sbollentate e sbucciate le patate devono essere fatte raffreddare, quindi va benissimo prepararle il giorno prima.

 

Le dosi per 4 persone sono:

  • 1 Kg di patate
  • Circa 50 grammi di pangrattato
  • 50 Grammi di grana grattugiato o pecorino
  • 3 Uova
  • Sale, pepe e prezzemolo tritato (quanto basta)
  • Olio di oliva per friggere

 

Mettete a cuocere le patate in abbondante acqua e quando sono pronte (fate la prova con la forchetta, se si infilza facilmente sono cotte) e scolatele. Spelatele subito e lasciatele raffreddare. Una volta fredde si possono schiacciare con lo schiacciapatate o col passa pomodoro dentro una ciotola capiente. Possiamo ora unire sale, pepe formaggio e abbondante prezzemolo e mescolare per bene. Aggiungete ora le uova e il pangrattato e amalgamate accuratamente con le mani. Copriamo la ciotola con la pellicola e poniamo in frigorifero a riposare. Dopo un paio di ore possiamo preparare le polpette bagnandoci leggermente le mani e riponendole su un piano leggermente infarinato in precedenza. E le polpette dovrebbero avere una forma ovale leggermente schiacciata. Fate riscaldare in una padella abbondante olio e quando l’olio sarà caldissimo versate le polpette 5 o 6 alla volta. Una volta dorate saranno pronte e devono essere fatte scolare su carta assorbente. Sono buone anche fredde ma per tradizione vanno mangiate caldissime, difficile resistere alla tentazione di farle arrivare in tavola senza averne mangiate almeno un paio!

Scrivere e vivere di cibo, di Sicilia, di arte, di libri e di emozioni. Scrivere per condividere le passioni che da 34 anni mi porto addosso.

Una risposta a “Crocchè di patate alla siciliana”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.