Il Val D’Akragas ed il Folklore Agrigentino

La storia della Festa del Mandorlo in Fiore non può prescindere dalla nascita e dallo sviluppo del Val d’Akragas, un gruppo che è il simbolo del folklore agrigentino.

 

D’altronde, la storia di una città si racconta attraverso tanti strumenti e tra questi il folklore assume un aspetto fondamentale.

 

Negli anni ’50 si forma ad Agrigento una grande tradizione di musicalità e di canto collettivo, che da cultura popolare individuale diventa canto di gruppo, musica da eseguire in duo e in trio e poi in gruppo con l’utilizzo di chitarra, mandolino, fisarmonica e violino; una musica folk che diventa folklore di straordinaria bellezza.

Proprio in questa atmosfera nasce il gruppo di folklore Val d’Akragas, che impersona sin da subito il folklore agrigentino e rappresenta il riscatto dell’anima popolare della città perché porta al successo, con il suo canto, il suo ballo e la sua musica, la cultura popolare fino a quel momento subalterna, isolata in un angolo e considerata espressione minore di sentimenti e di passioni, di intensità e di sottili malinconie.

Il gruppo è inizialmente formato da trenta giovani che in costumi coloratissimi e popolarescamente sfarzosi girano la Sicilia, l’Italia, l’Europa e il mondo intero, raccontando la cultura e la storia di un’altra isola, che non è più quella della miseria e dell’emigrazione, ma è quella di una terra che lavora operosamente, che sa soffrire, ma sa anche gioire, che sa meditare, ma sa anche scatenarsi in tarantelle vorticose simbolo dell’entusiasmo del vivere, del coinvolgere, dell’amore che si rinnova per la propria terra, le proprie origini e il proprio popolo.

 

E l’anima popolare pulsa in diverse componenti: vibra perché ha dentro il vigore del canto, la ritmicità della danza, il desiderio di vivere insieme, di superare i tabù sociali di uomini da una parte e donne dall’altra, o ancora il rito del ballo “uomini con uomini, femmine con femmine”.

 

Dunque il gruppo folcloristico Val d’Akragas ha avuto anche il grande merito di avvicinare ragazzi e ragazze, smontare certi pregiudizi sociali che oggi non esistono più; in questo senso fu un gruppo d’avanguardia.

 

Il gruppo ha da subito riscosso grande successo e uno dei motivi è stato sicuramente l’impegno nella ricerca sempre attenta delle fonti musicali a cui attingere e della proposta scenica sempre spettacolarizzata che ha mantenuto un elevato indice di rispetto per le tradizioni.

Così le generazioni più mature hanno trovato nella musicalità del Val d’Akragas tutte le atmosfere delle tradizioni popolari e le generazioni più giovani ne apprezzano la capacità di arrangiamento scenico.

I balli della tradizione, mazurke, polke, valzer, tarantelle, trovano nelle fantasiose coreografie il segno di un passato mai tramontato: gli intrecci dei passi, le sfide tra uomini e donne, il gioco a contrasto della quadriglia, i ritmi dei pescatori, le iterazioni nella danza di San Calò, con l’andare e il correre con il Santo che traballa, la tradizione delle romanze d’amore e dei giochi fanciulleschi, riflettono un mondo agrigentino straordinario che rivive con tutte le sue sfaccettature e con un linguaggio corporeo sempre chiaro anche ai popoli più lontani.

Il Val d’Akragas ha dentro la storia di tante edizioni del Mandorlo in Fiore e, soprattutto, la storia di una città con le sue virtù, le sue aspirazioni, le sue incantevoli presenze monumentali e le sue diversificate culture: greca, romana, bizantina, araba, normanna, chiaramontana, spagnola, risorgimentale, ottocentesca.

 

È riuscito nell’arduo compito di proporre queste tradizioni con correttezza poiché alla base c’è sempre una ricerca attenta e consapevole delle fonti a cui ricorre, fonti che vengono tradotte in azione scenica corale e coreografica.

 

Ma il gruppo folcloristico ha soprattutto l’importante merito di avere sviluppato una grande capacità di aggregazione di giovani, una profonda coscienza collettiva e un forte senso di appartenenza.

Denise Inguanta gestisce il blog “Lettera D”. Il mondo della comunicazione è il suo regno: infatti, oltre ad essere una copywriter, è conduttrice televisiva e radiofonica e redattrice in diverse testate giornalistiche.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.