La Sagra quando abiti al nord

partecipante alla festa del mandorlo in fiore

Quando arriva Pasqua pagherei oro per farmi una bella cantata di “Ah, si versate lacrime” davanti la Chiesa di San Domenico.

 

D’estate, manco a dirlo, i pensieri sono tutti occupati dal mare, le spiagge e San Leò.

 

A dicembre mi mancano le novene di Natale e i panini cà meusa. Ma anche le giocate a carte con amici e parenti e le passeggiate al Lungomare, le mattine di gennaio, che c’è ‘u beddru suli cà veni u còri.

E poi c’è febbraio, che è sinonimo di mandorli fioriti e di Sagra.

 

Manco da 17 anni da Agrigento. Anzi, dal mio amato Villaggio Peruzzo, luogo che cito non solo per amore ma anche perché era un posto strategico adibito, all’epoca, al parcheggio dei bus dei gruppi che venivano da tutto il mondo.

I miei ricordi legati alla Sagra del Mandorlo in Fiore sono tanti e belli sapuriti.

Avevo 18 anni e una compagna di liceo che ballava in un gruppo folkloristico (Ciao Valeriù!).

Ci faceva entrare gratis agli spettacoli al Palacongressi e ci forniva i programmi dettagliati della manifestazione.

Quella settimana, quella della Sagra, per me e le mie amiche, era tutto un correre e prepararsi per assistere ai vari spettacoli in giro per la Città.

Era una festa e noi, giovani spettatrici, allungavamo l’occhio sia per gli aitanti e stranieri ballerini che per i fa-mo-sis-si-mi accompagnatori che, generalmente, erano i ragazzi più beddri e più “famosi” di Giurgè.

Dove te la vedi la fiaccolata?” Noi ci mettevamo sempre al curvone tra via Callicratide e via Manzoni.

Che li, i gruppi , abballàvano sempre. E come non pensare allo spettacolo finale ai templi. Dal Villaggio Peruzzo partivamo a piedi . Che il traffico, fino ad Annense , era chiuso.

Era una festa anche per questo. Non capitava di poter godere della bellezza della campagna di quel tratto di strada sempre tanto trafficato.

Mentre scrivo mi è venuto un poco di allammicu.

E non solo perché ho appena messo mani a ricordi che non credevo di avere più.

Mi è venuta nostalgia, come spesso accade, perché quando io ad Agrigento ci vivevo non apprezzavo come avrei dovuto quello che avevo.

Sagra compresa. Lo so, ogni anno, sui social (benedetti per chi vive lontano da casa!), è tutto un “La Sagra non è più quella di una volta” o “Schifio, 4 gruppi fitùsi”.

Sapete che c’è?
Beati voi.

Sono nata ad Agrigento 36 anni fa. Vivo da 15 anni a Noale (Ve). Collaboro con alcune testate giornalistiche online e non.
Ho fondato, nel 2012, Iogenitore.it, un portale di informazione sociale dedicato alle mamme e ai papà.